Alma Technology

La tua Web Agency a Roma

Realizzazione Siti Web

Posizionamento SEO

Social Media Marketing

Contattaci
Troviamo insieme una soluzione adatta alle tue esigenze di visibilità online.

+39 392 93 23 730

info@almatecsrl.com

P. delle Crociate, 11 00162-Roma

+39 3929323730

Piazza delle Crociate, 11 00162 ROMA

Top

Attacco hacker mondiale: un analista di 22 anni blocca per caso il virus

attacco-hacker-mondiale-un-analista-di-22-anni-blocca-il-virus-per-caso

Attacco hacker mondiale: un analista di 22 anni blocca per caso il virus

Un esperto di cybersecurity americano pone fine all’attacco di WannaCry

La notizia del cyberattacco che ha colpito importanti infrastrutture di tutto il pianeta ha fatto il giro del mondo negli ultimi giorni, ed è stata riportata da tutte le più importanti reti e canali mediatici.

WannaCry, il virus ransomware che ha colpito oltre trentamila terminali su quattro continenti, arrivando a infettare anche i sistemi del servizio sanitario nazionale del Regno Unito nonché i laboratori di alcune università italiane, ha operato per settimane rubando informazioni alle infrastrutture per poi richiedere un riscatto elettronico per sbloccare le macchine infettate.

Molte le misure di protezione utilizzate nel corso dell’attacco, tra cui in particolare l’installazione di patch rilasciate da Microsoft a marzo e a maggio, ma nessuna efficace abbastanza da porre fine alla minaccia.

La fine del virus

Tuttavia, se la notizia del cyberattacco ha fatto scalpore, ancora più sorprendente è quella appena rilasciata: WannaCry sarebbe stato sconfitto da un ragazzo di 22 anni con una spesa di 10 dollari.

Un esperto di cybersecurity, che su Twitter è noto con il nome utente di @malwaretechblog, ha comprato per questa cifra il nome di un dominio nascosto nel virus e ne ha bloccato, così, la diffusione negli Stati Uniti. Un po’ come attivare un interruttore nascosto nel programma.

Dopo aver notato il nome del dominio ed una sequenza di lettere nel codice del virus, il ricercatore ha deciso di provare a registrare il dominio stesso, venendo immediatamente bombardato da richieste di contatto. Si trattava proprio di WannaCry, che provava a contattare il dominio ogni volta che attaccava un nuovo computer, fermandosi nel caso non riuscisse a contattarlo. È bastato impedirgli l’accesso al dominio per costringere il micidiale virus ad agire in maniera erratica e casuale fino alla sua disattivazione.

Una mossa teoricamente rischiosa ma che ha dato i suoi frutti. Ancora non sono note le generalità dell’eroe per caso che continua a twittare come Malware Tech e si dichiara egli stesso stupito dell’efficacia della sua intuizione.

 

 

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.